Case Finte Per Soldi Veri

C’è chi si fa una seconda vita virtuale per sfuggire dalla prima, per poter fare cose che nella realtà non si possono fare o per evadere da un mondo che non è quello che si sperava fosse.

Ma ci sono anche parecchie persone che inaugurano una seconda vita per potenziare la prima, per trovare nuovi mercati dove vendere la propria merce o imporre le proprie idee.

Su Second Life, il gioco online dove, appunto, ci si crea una seconda vita virtuale, c’è chi cerca avventure, chi ne approfitta per fare quello che ha sempre sognato di fare, e chi se ne serve per arrotondare lo stipendio. E che stipendio.

136144531_3efc849878_m.jpg

Ne sa qualcosa Ailin Graef, 19 anni che con il suo avatar Anshe Chung (l’alter ego su «Second life») ha creato una società di landscaping che ha fatturato ad oggi un milione di dollari reali. La ragazza di origini cinesi, che aveva già fatto fortune su altri MMORPGs come Asheron’s Call, Star Wars Galaxies e Shadowbane, vive in una casa di campagna in perfetto stile China e sul tavolo, come vuole la tradizione, ci sono fumanti tazze di tè e invitanti ciotole di riso al vapore. Anshe vi riceverà nel tipico vestito blu e rosso e vi illustrerà le diverse proposte immobiliari che ha Second Life nella realtà virtuale. Dietro i pixel che compongono la sua figura sullo schermo, c'è un'insegnante di madre-lingua cinese che vive vicino a Francoforte e che nella sua “seconda vita” ha deciso di essere un agente immobiliare. La sua attività “virtuale”, che dura ormai da due anni, è però diventata un business reale. Grazie alla sua abilità informatica, Anshe ha comprato in esclusiva alcuni terreni che rivende agli altri giocatori.
Ha un sito curatissimo e all’avanguardia. Avere una casa o un’isola firmata Anshe Chung è garanzia di successo. La sua fama è cresciuta talmente tanto da essere soprannominata da un giornalista della CNN la Rockfeller di Second Life e da guadagnarsi le copertine di importanti magazines quali Business Week, Fortune e Red Herring.

In «Second Life», Anshe compra e sviluppa il settore immobiliare con la moneta locale, il linden dollar, che è convertibile in moneta reale. Un linden vale circa 0,3 dollari americani. Oggi l’impero virtuale di Anshe è equivalente a 36 chilometri quadrati di terra, abitata da circa 550 persone, che le pagano regolare affitto. Oltre al settore immobiliare, Anshe possiede centri commerciali, brand in voga nella vita virtuale e numerose azioni nelle compagnie presenti nel gioco. E tutto questo dopo un investimento iniziale, due anni e mezzo fa, di 9,95 dollari (7,70 euro) che le hanno consentito di entrare nel gioco.

Già perché si può entrare gratuitamente o pagando. La differenza non è banale: pagando si diventa proprietari di un terreno. Un proprio pezzo di terra apre molte possibilità, tra cui metter su casa, organizzare eventi, intrattenere amici e conoscenti, fare sesso virtuale a casa invece che in trasferta, avviare attività commerciali.

anshe21_wideweb__470x317,0.jpg
Ailin Qin, nata nel 1978, vive a Francoforte, Germania. Occupazione: imprenditrice su Second Life, dove il suo avatar Anshe Chung (a destra) ha creato una società di landscaping con un fatturato di un milione di dollari reali. Dice: «Il mio avatar non è l’estensione della mia personalità nel mondo reale. È il mio volto pubblico, esattamente come ce l’hanno Madonna e Britney Spears».

Vedi anche:

Gabetti: L'immobiliare italiano su SL
Costi Case: Quanto costa una casa su SL?

Unless otherwise stated, the content of this page is licensed under Creative Commons Attribution-Share Alike 2.5 License.